Studio di Vittorio Veneto

Via Dante Alighieri 13

31029 Vittorio Veneto (TV)

tel. 0438 57 653

© 2017 Studio dentistico associato Casotto Gobbato.

PIVA 02085530281

Privacy policy - Cookie policy

webdesign effe2erre.it - powered by gas-store.it

Studio di Padova

Via Cappello 42

35027 Noventa Padovana (PD)

tel. 049 72 58 59

Il tuo dentista è diplomato presso l'Accademia americana di Parodontologia, una specialità riconosciuta dall'Associazione dentisti americana, e socio certificato presso la società italiana di parodontologia

abp

Il tuo dentista è socio attivo della Società Italiana di Implantologia Osteointegrata

osseointegration
sidp
aap
harvard
  • Grey Facebook Icon
  • Grey YouTube Icon
  • Grey Google+ Icon
  • Grey Twitter Icon

Ottobre, il mese della prevenzione orale: consigli e buone abitudini

28/09/2018

 

 

Ottobre è ormai da molti anni il mese della prevenzione delle malattie legate al cavo orale.

Un appuntamento annuale utile ai pazienti che desiderano fare un check completo, per diagnosticare e curare tempestivamente eventuali patologie cariose e/o parodontali.

 

Le malattie del cavo orale sono infatti strettamente legate al nostro stile di vita: alimentazione scorretta, scarsa igiene orale, fumo, sedentarietà, portano ad un aumento dell'accumulo di placca. Questi appuntamenti servono appunto per monitorare e contenere i batteri specifici che aumentano il rischio di insorgenza di patologie cariose e parodontali.

 

È importante sapere che le principali malattie dei denti e dei loro tessuti di sostegno sono determinate da condizioni ben individuate e controllabili. Semplici e veloci misure di prevenzione permettono di agire tempestivamente, limitando notevolmente i danni che queste provocano sia a livello orale che a livello sistemico (esistono, per esempio correlazioni tra parodontopatie e patologie dell'apparato cardiovascolare e diabete).

 

 

1. Una corretta igiene orale domiciliare

 

Non siamo tutti uguali, per questo è utile seguire i consigli personalizzati per una corretta igiene orale domiciliare forniti dall’igienista dentale, che a seconda delle nostre caratteristiche saprà indicarci:

  • come utilizzare lo spazzolino e la tecnica di spazzolamento adeguata

  • il dentifricio specifico per ogni patologia

  • l’utilizzo di scovolini personalizzati

Oltre alla tecnica e agli strumenti, è fondamentale praticare l’igiene orale personale almeno   almeno 2\3 volte al dì. Una buona abitudine che, come dimostrato dalla ricerca scientifica, si acquisisce già durante l’infanzia, per poi essere consolidata e rafforzata nell’adolescenza.

 

2. Controlli periodici e regolari sedute di igiene orale professionale

 

Insieme all’igiene personale domiciliare, è di fondamentale importanza sottoporsi a visite periodiche dal proprio dentista di fiducia per evidenziare, diagnosticare e curare al primo insorgere eventuali processi patologici a carico dello smalto del dente e delle gengive.

 

Le sedute regolari di igiene orale professionale hanno lo scopo di mantenere la bocca in salute valutando ove l’accumulo di placca e tartaro possano innescare delle lesioni primarie al cavo orale ed attuare dei programmi personalizzati di mantenimento.

Grazie a questi controllo l'odontoiatra e l'igienista sapranno consigliare eventuali interventi di

risoluzione dei problemi presenti o un programma di prevenzione adeguato.

 

3. Il test salivale

 

Si tratta di un metodo moderno ed innovativo che permette in modo semplice, veloce e non

invasivo, di prevenire l'insorgere della carie e/o abbassarne il rischio di insorgenza.

Gli alimenti introdotti quotidianamente, una volta masticati, creano un ambiente acido e fungono da nutrimento per i batteri presenti nel cavo orale. Più persiste questo ambiente acido più i nostri denti subiscono un’erosione, lo smalto si demineralizza, ovvero perde

sostanza, e inizia il cosiddetto processo carioso.

 

Per misurare il rischio carie il test salivare determina il grado di acidità e la presenza quantitativa di batteri specifici cariogeni. Il rischio carie viene quindi classificato in: basso-medio-alto. Una volta individuata la classe di rischio sarà possibile stilare un programma di prevenzione primaria, in assenza di malattia, o secondaria, qualora fosse necessario intervenire con delle cure.

 

Gli interventi di prevenzione puntano a:

  • educare il paziente a ridurre e monitorare il numero di batteri patogeni nel cavo orale

  • remineralizzare lo smalto danneggiato prima di un eventuale intervento del dentista

  • seguire un’alimentazione corretta e personalizzata

  • controllare e stabilizzare il ph ed il flusso salivare 

Il tutto con trattamenti professionali e domiciliari.

 

4. Op test

 

Op test è uno screening delle mucose orali per identificare eventuali anomalie cellulari,

alterazioni tessutali che possono conseguire in lesione precancerose. Durante le sedute di

igiene orale vengono analizzati l’aspetto delle mucose orali, delle guance, delle labbra, della

lingua, delle gengive al fine di evidenziare alterazioni cellulari dai diversi aspetti: esfoliazione dei tessuti, macchie bianche, rossastre, scure, di dimensioni più o meno definite.

 

Non esistono sistemi efficaci di diagnosi preventiva quando le lesioni nel cavo orale non sono visibili: l’attività di screening diventa fondamentale, è un metodo semplice e non invasivo. Questo test ha lo scopo di togliere ogni minimo dubbio su aspetti non ben definiti dei tessuti molli, prevenire eventuali interventi invasivi ed invalidanti, abbassare l’incidenza di lesioni cancerose al cavo orale.

 

Please reload

Post in evidenza

IL DOTT. LUCA GOBBATO INSEGNA A SHANGHAI

20/03/2017

1/1
Please reload

Post recenti
Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag